Go!!Action - G. Danielli

L’action non è il mezzo ma il fine, del gioco.

I motori e la velocità sono sempre affascinanti per me. Il mondo dei Go Kart in particolare.

Creare un video cercando di mettere in evidenza i momenti salienti di una gara o di un'esercitazione è ancora più divertente. È importante riprendere il mezzo e il pilota da punti di vista diversi, in modo da coinvolgere maggiormente chi guarderà il video. Per questo ho cercato di piazzarmi nei punti strategici del circuito, nei pressi delle varianti, dei rettilinei e delle curve principali. Ovviamente, senza esagerare (bisogna considerarne i rischi) ma non può mancare la ripresa in soggettiva perché aggiunge dinamicità e coinvolgimento, il presupposto fondamentale è: aver fissato stabilmente l'action cam al mezzo. Quando il kart si ferma ai box sei contento di poterla riprendere in mano!Possiamo considerarli giocattoli sofisticati ma, sono pur sempre investimenti per la nostra passione.

Fede in Go Kart from Gabriele Danielli on Vimeo.

Nella fase di montaggio ho cercato di mantenere la sequenza del giro anche se le riprese sono state fatte in momenti differenti. Anche quando lo facciamo come una semplice esercitazione e per una semplice gara di prova dei nostri ragazzi, noi come loro diventiamo professionisti del divertimento. Riprendere tutti i passaggi e le fasi della guida , assemblarli con ritmo ed entusiasmare chi guarda è, comunque, un obiettivo ambizioso. ..speriamo di aver reso l’idea.

 

Gabriele Danielli - sport&action Videomaker

Mi chiamo Gabriele Danielli e nei video ci metto passione, tempo e quando riesco un po' di fantasia. E' difficile per un ingegnere lasciarsi travolgere dalla fantasia piuttosto che dalle variabili di sistema. Mi piace 'rompere” i momenti più belli delle vacanze agli amici e ai famigliari chiedendo di rifare un movimento, un passo o un gesto perché, quando riprendo so già come lo voglio montare ed è proprio quel dettaglio che non può mancare che farà la differenza. Preferisco fare backstage o action-video e cioè quei brevi reportage sportivi a ritmo serrato, affini ai miei generi musicali preferiti: heavy metal e Hip-hop. Non a tutti piacciono, a me si e mi attrezzo di software ed hardware per farli bene perché come dico io: 'Non è bello ciò che è bello, ma se è brutto te ne accorgi”